mercoledì 21 dicembre 2016

La Brioche di Natale. Presto che è tardi!


Ed eccoci nel bel mezzo della settimana di Natale!
Anche voi state facendo i conti con le lancette che hanno messo l'acceleratore??
Volevo fare tante cose quest'anno, anche da condividere con voi su queste pagine, e invece mi trovo senza un bel niente tra le mani, se pur con un bell'asso nella manica (ma non perché abbia iniziato a giocare a carte eh??) :-)))

Sappiamo bene che per fare un buon panettone ci vuole, il tempo di preparazione, lievitazione, e soprattutto quello del riposo prima di essere consumato: almeno 10-15 giorni affinché profumi e consistenze diano il meglio di sé.
E oggi è 21 dicembre.
Non ce la farò mai a farne uno per poter essere aperto il giorno di Natale,
Ma voglio lo stesso portare a tavola qualcosa preparato da me e, casualmente (sarà poi vero che è stato un caso??)  qualche giorno fa mi capita sotto gli occhi questa ricetta.
Leggo velocemente gli ingredienti, faccio un controllo in dispensa, e mi dico: ma sì, proviamola!
Sono rimasta estasiata dal risultato.
Una pasta scioglievole, filante e soffice proprio come quella di un panettone ed un profumo che si stampa nelle narici (ma anche in testa) facendo dimenticare che si tratta invece di una brioche.
Ecco, non mi dilungo oltre, perché è tardi e se anche voi avete i minuti contati, o se non vi sentite pronti per affrontare il Re dei lievitati,  allora vi invito a provarla questa brioche, per coccolare voi ed i vostri cari e per regalarvi un signor lievitato fatto con le vostre mani che sa proprio di Natale!
Sono certa che anche voi sarete increduli ed entusiasti del risultato.
Quella che vedete in questa foto è stata presa d'assalto durante le colazioni degli ultimi giorni; stasera tornerò ad impastare anche io!!! ;-)




INGREDIENTI:

120 g di lievito madre (*)  rinfrescato due volte a distanza di 4 ore
300 g di farina W 330/350 (in alternativa manitoba del supermercato)
100 g di latte
  50 g di acqua
  95 g di zucchero
  80 g di burro a temperatura ambiente
  15 g di miele
1 uovo (medio)
1 tuorlo (riservare l'albume)
2 g di lievito di birra fresco
4 g di sale
1 cucchiaio di rum
1 cucchiaino scarso di estratto di vaniglia home-made (in alternativa i semini di mezza bacca)
la buccia di un'arancia e di un limone grattugiata
120 g di uvetta
  40 g di arancia candita (se avete quella fatta da voi tanto meglio)
(*) in sostituzione fare una biga 12 ore prima con 100 g di farina manitoba, 50 g di acqua e 1,5 g di lievito di birra fresco, lasciata fermentare a 18°, ed utilizzarne solo 120 g nell'impasto.

Prima di iniziare l'impasto, tenere conto del tempo di ammollo e breve asciugatura dell'uvetta (40 minuti circa).

Preparazione:

Mettere in ammollo l'uvetta in una ciotola contenente acqua molto calda (quasi al bollore) e lasciarla riposare per una mezz'ora, dopodiché scolarla, passarla sotto acqua corrente e strizzarla leggermente tra le mani; poi metterla tra due-tre fogli di carta assorbente e tamponare bene, cercando di asciugarla il più possibile.
Sciogliere il lievito madre (o la biga) a pezzettini, in acqua, latte e miele.
Aggiungere il lievito di birra sbriciolato, e tanta farina (presa dal totale) quanto basta per ottenere un impasto morbido. Unire un tuorlo, 30 grammi di zucchero e, subito dopo, un po' di farina quanta ne serve per ridare all'impasto una consistenza morbida.
Ad assorbimento di uovo e zucchero, proseguire con l'altro tuorlo, altri 30 grammi di zucchero e ancora un po' di farina.
Continuare con l'albume rimasto, per poi unire  gli ultimi 35 grammi  di zucchero, il sale e, un po' per volta, tutta la farina riservandone un cucchiaio.
Lavorare l'impasto nell'impastatrice o con la tecnica dello slap&fold fino a quando risulti ben sodo e tende ad aggrapparsi al gancio (oppure non appiccica più né alle mani, né al piano di lavoro).
Dividere il burro in tre parti ed aggiungerlo in tre riprese, dopo ogni assorbimento.
Unire il rum, la buccia grattugiata dell'arancia, del limone, la vaniglia e l'ultima parte di farina portando l'impasto ad incordatura e verificando la formazione della maglia glutinica attraverso la prova del velo.
A questo punto, prendere l'impasto ed allargarlo in uno strato sottile su un piano di lavoro (ideale il marmo) leggermente imburrato; distribuire in modo uniforme l'uvetta con i canditi e richiudere al centro.
Ora ci sono due strade:
1. formare una palla con l'impasto, metterlo in un contenitore, coprirlo con pellicola e lasciarlo in frigo circa 8 ore. In questo caso tirarlo fuori al mattino, e lasciarlo a temperatura ambiente per circa 3 ore prima di proseguire.
2. lasciar puntare l'impasto un'ora in un contenitore coperto da pellicola, poi spezzare in due pezzi uguali (pesarli!) avvolgerli (una sola volta) con i pollici senza serrare troppo, (vedere qui) attendere 10 minuti e allungare i due pezzi fino a 40 cm ed avvolgerli tra loro per formare un treccione. Imburrare generosamente (oppure foderare con carta forno) uno stampo antiaderente da plumcake da 30 x 10,5 cm, adagiarvi l'impasto e coprire con pellicola, mettendolo a lievitare a 26°.
Attendere che superi il bordo di due dita circa, per poi spennellare con l'albume avanzato ed infornare a 190° per i primi 10 minuti avendo cura, in questo tempo, di vaporizzare il forno; poi abbassare la temperatura a 175° e proseguire la cottura per altri 35'/40' (se la superficie si colora troppo, coprire con un foglio di carta di alluminio).
Trascorso questo tempo, fare la prova stecchino al centro che deve uscire asciutto e  non trovare resistenza quando si infila e sfila, oppure, con il termometro a sonda quando la temperatura al centro raggiunge i 94°.
Sfornare, attendere cinque minuti e togliere la brioche dallo stampo facendola raffreddare su una gratella. Solo quando è ben fredda, conservarla ben chiusa in un sacchetto in polipropilene oppure in uno da freezer, avendo cura di non far passare aria.

Ed eccola qua la nostra brioche, in tutto il suo splendore, la sua sofficità ed il suo profumo!
Vi accomodate qui da noi che ne mangiamo una fetta insieme mentre ci scambiamo gli auguri??? :-)))



☆:*´¨`*:..:*´¨`*:.☆☆:*´¨`*:..:*´¨`*:.☆☆:*´¨`*:..:*´¨`*:.☆

A voi tutti, giungano i nostri più sinceri, frizzanti, affettuosi, ma soprattutto svalvolati,
  AUGURI DI BUONE FESTE!

Tamara, Silvia, Emmettì

* ☆゚  * ☆゚ *




Questa brioche la porto nel cesto di Panissimo#46, la raccolta di lievitati dolci e salati
 ideata da Sandra di Sono io, Sandra, e Barbara, di Bread & Companatico
questo mese ospitata da Stefania di Cardamomo & co.





La volete un'idea carina per decorare la tavola di Natale con un piccolo segnaposto da mettere vicino al piatto?? Prendere dei tappi di sughero, tagliarli a metà e con la punta di un cacciavite a stella praticare un foro in cui mettere un rametto di pino. Spolverizzare con della farina o zucchero a velo per simulare dei piccoli abeti innevati e disporli sulla tavola abbinando magari il nome di ogni commensale! :-)))





30 commenti:

  1. Apro un attimo faccialibro e cosa ti trovo??? la meravillosa brioches con cui sto facendo colazione ... quindi corro qui a lasciare un pernsiero............bbbbuonissima !!!!!! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahhahahahahaha!!!!
      Bella, sore'!
      Ora tocca a te rifarla! ;-) ;-) ;-)

      Elimina
  2. Ma è bellissima! E le foto sono stupende, sanno davvero di Natale, quello tipicamente nordico che piace a me, tra neve e profumo di resina... bella, bella, bella!!! Ora mi rileggo bene i passaggi perché mi piacerebbe davvero provarci (ora sono in fase biscottosa, quindi mi serve una svolta).
    Un bacio care condomine :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tatiiiiiiiiiiiii!!!!! :-))))))))))
      MA che felicità leggerti!!

      Guarda, più che essere bella, bella, bella, questa brioche è veramente buona buona buona!!! :-DDD Se penso alla velocità di con cui si prepara e al risultato che si ottiene, continuo a sorprendermi!

      E l'ho vista la tua fase biscottosa, e che meraviglie hai tirato fuori!!!
      Anzi, scusami se ancora non son riuscita a lasciare traccia del mio passaggio!
      Dai, magari durante queste feste avrai un attimo per provarci!
      Ti auguro anzi che in questi giorni tu possa godere di attimi di tranquillità e di tanto tempo per fare e per stare con chi più ami!

      Un abbraccio immenso, cara!!! E a presto!!!

      p.s. felice che ti piacciano le foto!!! quando le ho pensate le volevo proprio con quel tocco nordico che anche io adoro! ♥

      Elimina
  3. La devo fare! Non la devo fare... non la devo fare... non la posso fare... non la posso fare... Uff! Troppo buona deve essere *_*
    Socia una meraviglia ti è uscita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahhahahahahhahahahahahhahaha Silvietta mia!!!!
      Falla, falla, falla, che dopo i tuoi capolavori lievitati questa ti uscirà una bomba!!!!!!!!! :-DDDDDDDD

      Ti stritolo in un abbraccio! (。❤‿❤。)

      Elimina
  4. Bellissima e furba la brioche ma carinissimi anche i segnaposto! Ciao dolce Emmetti, sempre di corsa ... spero che almeno a Natale ti fermerai e ti godrai qualche giorno di riposo. E chissà che magaari riesci a impastarlo in quei giorni il re del Natale. Anche perchè, scusa, chi l'ha detto che si mangia solo a Natale? Tanti auguri, buon Natale anche a te e alle tue dolci socie svalvolate. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Terry!!!! :-))))))
      Ahahahahhahahahaha, sì! Furbissimissima questa brioche!
      Guarda, durante questi giorni di festa pensavo proprio di mettermi a pasticciare e recuperare il tempo che non ho potuto dedicare alle preparazioni importanti! E poi, come dici tu, il panettone possiamo mangiarlo anche dopo carnevale!!!!!! ;-) ;-)

      Tantissimi auguri di buon Natale anche a te, dolcezza nostra! Che siano giorni lieti, pieni di speranza e di momenti felici da condividere con chi si ama!
      Un abbraccio triplo da tutte noi! ♥

      Elimina
  5. Complimentissimi è venuta davvero molto invitante!!!!
    E per l'ocasione lascerò cadere dalla mia slitta i miei migliori auguri di Buone Feste glitterati!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Mila, i tuoi auguri glitterati che piovono dalla slitta, scintillano nel mio cuore!!! Grazie cara!
      Buone feste anche a te!!!

      P.s. la brioche, si lascia mangiare vergognosamente fetta dopo fetta!!! :-DDD

      Elimina
  6. Che succulenza questa brioche, arrivo subitoooo!! Ma brava!! Io mi armerò di pm dopo Natale per fare i pandolci genovesi, prima non riesco a fare nulla!
    Carinissimi i segnaposto, mi piacciono un sacco!!
    Vi auguro a tutte buon Natale e buone feste, vi sbaciucchio tutte e vi auguro tantissime belle cose!!
    A prestoooo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Silvia, corri che siamo arrivate quasi alla fine eh????? :-DDDDD
      Che bello sa sarebbe poterci sedere intorno al tavolo tutte insieme!!!!

      Grazie dei tuoi affettuosi auguri, tesoro! Li ricambiamo a piene mani e ti abbracciamo stretta stretta!!!
      A presto!! :-* :-*

      Elimina
  7. Socia, bellissima brioche, bellissime foto, bellissimi segnaposto, ma.
    ma, vogliamo parlare di quella alveolatura? sembra un panettone!! ne ho viste altre in giro, ma la tua è SPETTACOLARE! quel fiocco è un boccone poetico :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi associo alla mia socia! Caspita che bella quell'alveolatura!!!
      Quasi quasi... No, resisto! Dopo Natale, che me lo godo di più!!!

      Brava, Brave Tutte.

      Ovviamente Auguri a tutte e tre le svalvolate!!!

      Elimina
    2. @Tam: bellissima tu, le tue parole e la tua allegria che mi rigenera ogni volta!!!! :-))))
      E la brioche sì, in effetti somiglia incredibilmente al panettone, sia nel sapore che nella texture! Te ne innamorerai anche tu quando la proverai! ;-)
      Un bacio bello, "garazza" bella! <3

      Elimina
    3. @Piero: eh sì dai, ormai dopo Natale, tanto tu una brioche del genere la fai pure con gli occhi chiusi!!!!! :-)))
      Un caro augurio di buone feste anche a te da questo condominio pazzerello!!! A presto!!! :-)

      Elimina
  8. Un sogno!!! le tue parole, le tue immagini...i tuoi lievitati...mi incanto e sogno di rifarli.
    ti faccio mille auguri di Buon Anno per te e la tua famiglia!! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolcissima Mimma, le tue parole sono un incanto!!!!!
      Ogni volta che ti leggo rimango con un sorriso stampato sulla faccia! :-DDDD

      Tanti ed affettuosi auguri anche a te, per questo nuovo anno che sta arrivando: che sia pieno di cose belle!!
      Un abbraccio stretto stretto! <3

      Elimina
  9. Ciao ragazze, riesco solo adesso a passare x gli auguri ma spero che li apprezzerete ugualmente :-) ma possibile che ogni volta mi facciate venire l'acquolina..non va bene :-P Un abbraccio e buon proseguimento <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consuelo cara, non solo apprezziamo i tuoi auguri, ma ti ringraziamo di vero cuore per aver trovato il tempo di fermarti qui a scrivere per noi! Sei davvero carinissima!!! <3

      Un caro abbraccio anche da parte nostra insieme all' augurio di un nuovo anno ricco di tante cose belle e soprattutto di sorrisi!!! :-))))))))

      Elimina
  10. Due ghiandole che parevano palline da ping pong, ecco cosa mi sono ritrovata due giorni prima di Natale!! Emmenomale che non ho più le tonsille, chè senno mica la facevo la partita (a ping pong), per mancanza di spazio!!! Cucinare???? Fare panettoni??? (che poi sarebbe stato troppo tardi comunque!) Macchè! Mi sono trascinata al supermercato giusto per fare la spesa indispensabile per santo Stefano che avevo ospiti, poi a passo di leopardo (mica quello agile ed elegante del felino, no no, quello strisciante con la faccia nel fango e il "mestolo" -sono pacifista- stretto al petto stile marines!!)sono andata al lavoro, poi a Milano per gli ultimi odiatissimi acquisti equindi ho finito la mia seconda gubana (he he he ci ho preso gusto) e sono crollata nel letto (sono stata pure brava a centrarlo da tanto che ero cotta).
    Ad ogni modo, anche i giorni successivi sono un ricordo sbiadito dalla febbre che mi sono ostinata a non misurare (della serie: se non la vedo non esiste!!), e in un batter di ciglia era santo stefano. Panico!!! E il dolce???? Neanche un panettone di quelli comprati avevo in casa!! Poi il lampo di genio (sì, a volte capita anche a me di avere lampi di genio, che credete! In fondo, anche un orologio rotto ha ragione almeno due volte al giorno!), faccio la brioche di Natale di Emmetì!!
    Detto, fatto ... e pure mangiato! Che meraviglia, e che splendida figura con gli ospiti! Grazie cara, mi hai salvato il santo Stefano!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Criiiiiiiii!!!!!
      Mi credi se ti dico che ho le lacrime agli occhi dalle risate che mi stai facendo fare?????
      No guarda, tu sei incredibile oltre che una macchina da guerra per la tua energia e la voglia di fare!!!!!
      Ahahhhaahahhaha... le palline da ping pong, il passo di leopardo, la faccia nel fango e la febbre non misurata che se non si vede vuol dire che non c'è!! :-DDDD
      Insomma potei riscrivere il tuo commento che mi ha portato una ventata di allegria tale per cui verrei immediatamente a stamparti un bacio in fronte! Anzi, fai conto ti sia arrivato proprio in questo istante!! :-)))))))

      Cristina cara, grazie! Ma grazie davvero eh? Per aver preso spunto da qui per il tuo dolce di santo Stefano che sono certa ti sua venuto meravigliosamente!!! E poi grazie per esser passata qui a lasciare questo popò di commento che meriterebbe davvero di essere incorniciato!!!!!

      Ammiro la tua energia, il tuo non perderti d'animo e soprattutto la tua voglia di mettere le mani in pasta nonostante l'influenza addosso!

      Spero un giorno di poterti abbracciare e dirtelo dal vivo il mio grazie!!!
      Intanto approfitto di questo spazio ed aggiungo, anche da parte di Silvia e Tamara, l'augurio per un nuovo anno pieno di ogni bene!!

      A presto, carissima!!! :-* :-* :-*

      Elimina
  11. Bellissimo il tuo post e molto interessante il tuo blog! Ti seguo!
    http://marycosmesi.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary, e benvenuta!!
      Il blog non è solo mio ma ci sono anche Silvia e Tamara e ti invito a dare un'occhiata alle loro ricette che sono meravigliose una più dell'altra!! ;-)
      Grazie per esserti fermata a lasciare traccia del tuo passaggio nella cucina condominiale! :-)
      Un saluto da parte di tutte!!

      Elimina
  12. Sempre bellissimo il vostro blog.
    Felice Anno Nuovo a tutte e tre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è sempre bellissimo leggere le tue parole, cara Agnese!!
      Un caro augurio per un nuovo anno pieno dele cose che ti stanno più a cuore da parte nostra! Un abbraccio! :-)))

      Elimina
  13. Perfetta e tanto invitante questa brioche! Auguri di buon anno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Speedy!!!! :-))))
      Grazie per i complimenti alla brioche! In effetti è proprio invitante, considerata anche la rapidità di esecuzione.

      Tanti cari auguri di buon anno anche a te!
      Buona serata! :-*

      Elimina
  14. Ciao! Ho visto questa brioche mentre ero alla ricerca di un lievitato per Natale senza lievito madre, da portare a casa dei miei suoceri la prossima domenica. È stupenda!! Esattamente quello che volevo! Facendo la biga, posso sostituire il lm... Un unico consiglio: secondo te posso farla in uno stampo da panettone? Quello da 750 g potrebbe andar bene? (Il totale degli ingredienti supera questo peso e sono in dubbio) Grazie mille e complimentissimi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gabri, perdonami se ti rispondo solo ora.
      Ho scoperto questo commento per caso perché blogger non me lo ha notificato da nessuna parte!!!!!!!! :-(((((((((
      Benvenuta, innanzitutto!! :-))
      Allora, sicuramente va bene farla anche nello stampo da panettone da 750 mettendo 825 grammi di impasto; quello che avanza lo usi come spia di lievitazione magari in uno stampino (o due) da muffin. ;-)
      Son felice di averti dato un'idea alternativa all'uso del lievito madre.
      Ti garantisco che questa brioche è veramente buonissima in tutto! D'altra parte, le ricette di Paoletta son sempre una garanzia!!
      Grazie per esserti fermata a lasciare le tue parole e scusami ancora per il ritardo.
      Se non fosse che tornavo su questa ricetta per replicarla anche quest'anno, chissà quando avrei visto il tuo commento!!!!

      Un caro saluto Gabri!
      Sarò felice se tornerai a raccontarmi come è andata!!
      A presto!

      Elimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.