lunedì 22 dicembre 2014

In un mare di dolcezza, pesci di pasta di mandorla, gamberi, cozze e... Savoiardi!


Un mare di Pasta di mandorla salentina (altrimenti detta anche Pasta Reale), il rito più dolce delle feste che a Pasqua assume le vesti di un agnello tutto riccioloso, a Natale invece si presenta in forma di pesci e conchiglie, io non potevo che aggiungerci la cozza, altrimenti detta Ziatam, e il gambero un passo avanti e due indietro.
Tradizione salentina fin dal '700, lu tuce te li signori (il dolce dei signori), il pesce (o l'agnello) di pasta di mandorla veniva preparato dalle suore come dono ai vip del tempo, vescovi, prelati, aristocratici, golosoni che mica s'accontentavano di pane e Nutella. Eh no! Le suore, che non vivevano di sole preghiere, si sono inventate questo dolce lussurioso, ripieno di faldacchiera * e qui si apre immediatamente un contenzioso, il solito, il più tradizionale di tutti! Secondo voi quali suore hanno inventato la faldacchiera? Se la contendono le suore Benedettine di Lecce (che ancora oggi producono questa meraviglia) e le Teresiane di Bari! Non chiedetemi chi ha vinto, perché non lo sa ancora nessuno, il contenzioso andrà avanti per l'eternità, lo scopriremo solo morendo (nel senso quando andremo nell'aldilà, forse:)

Io invece ho imparato a fare il pesce di pasta di mandorla da una donna che non è una suora, è la mamma della compagna di mio fratello, che, per tagliare la testa al toro, non è né leccese né barese, è milanese! Pensate voi!
Confesso, non ho avevo mai amato questo dolce troppo dolce, ma quello di Enrica è eccezionalmente buono ed equilibrato,  m'ha conquistata subito, tanto che, visto che neppure io vivo di sole preghiere (ehm), appena l'ho assaggiato qualche Natale fa e averla pregata (sì, ogni tanto prego, confesso:) di darmi la ricetta, mi sono subito messa all'opera pia, e come succede per il Panterrone che faccio tutto l'anno, anche il pescato di pasta di mandorla non conosce stagioni a casa mia!
Enrica grazie, sei una salentina di Milano doc!

* La faldacchiera è una spuma di tuorlo d’uovo, mista a marmellata, canditi e altri ingredienti ed è nascosta nella pancia del pesce o dell’agnello; per farla si usano rossi d’uovo e zucchero sbattuti e cotti a bagnomaria a fuoco molto lento.




La ricetta di Enrica non prevede la faldacchiera, crema meravigliosa ma che ha il difetto di dover essere consumata subito, invece il pesce farcito come di seguito può essere conservato protetto da pellicola alimentare per diversi giorni. E può essere regalato, come è in uso nel Salento, c'è un giro di pesci di pasta di mandorla che non avete idea, io lo regalo alla vicina di casa, la vicina di casa regala il suo alla cognata, la quale ne prepara diversi che regalerà a parenti e amici, fra cui mia cugina che a sua volta però ne ha già distribuiti una cinquina, di cui uno a me! Tutti diversi, che ve lo dico affà?



Stampa solo la ricetta

Ingredienti per un pesce di pasta di mandorla da 30 cm:

Per la pasta di mandorla:

- 350 g di mandorle sgusciate e pelate
- 280 g di zucchero
- 100 g di acqua
-     4 o 5 mandorle amare (o qualche goccia di aroma naturale di mandorla)
1/2 bacca di vaniglia

- Macinare le mandorle in un tritatutto con un paio di cucchiai di zucchero.
- Preparare il giulebbe: versare lo zucchero rimanente, l'acqua e il baccello di vaniglia in una pentola e porre su fuoco dolce.
- Cuocere una decina di minuti finché lo zucchero sia completamente sciolto e si sia formato uno sciroppo denso.
- Eliminare la vaniglia e versare la farina di mandorle, mescolando continuamente per evitare che la pasta si attacchi al fondo.
- Quando la pasta si stacca dalle pareti spegnere il fuoco e far raffreddare completamente in un piatto.
- Dopo circa un'ora lavorarla con le mani e utilizzarla oppure formare un panetto.
- Avvolta nella pellicola alimentare si conserva in frigorifero per diversi giorni.

Passo passo fotografico



Per il pesce di pasta di mandorla:

- 650 g di pasta di mandorla
- 200 g di marmellata di amarene o di visciole (meglio se fatta in casa)
-   60 g di cioccolato fondente
- q.b. liquore tipo Strega
- q.b. Savoiardi (vedi ricetta sotto)



- Lavorare con le mani la pasta di mandorle con un paio di cucchiai di liquore Strega, assaggiare e valutare, secondo il proprio gusto, se aggiungerne ancora.
- Rivestire la formina di alluminio o in gesso con pellicola alimentare.
- Schiacciare porzioni di pasta di mandorla fra le mani e ricoprire tutta la formina in un strato non troppo alto, si tenga presente che il pesce verrà rigirato e quindi il fondo diventerà superficie.
- Distribuire la marmellata in tutta la lunghezza, anche in testa e in coda, fate un testacoda insomma :)
- Tritare il cioccolato grossolanamente ed aggiungerlo alla marmellata.
- In un piatto fondo diluire mezzo bicchiere di liquore Strega con un po' d'acqua, bagnarvi i savoiardi e posizionare questi nel pesce.
- Ricoprire con la pasta di mandorle rimanente, pressare con delicatezza e rovesciare su un vassoio rettangolare.
- Decorare con un chicco di caffè o una goccia di cioccolato l'occhio di pesce (che non è un callo e neppure l'occhio da pesce lesso), e dipingere con colori naturali, caffè, tè, cacao, zafferano, curcuma, sciroppo di amarene ecc.
- Si conserva diversi giorni a temperatura ambiente protetto da pellicola.





Lo so, avrei dovuto decidere se pubblicare il pesce, la pasta di mandorle o i savoiardi,  non sapevo che pesci prendere, così sono rimasta a metà, per un po' ho fatto il pesce in barile, quando invece avrei dovuto buttarmi a pesce in questa pubblicazione, ma santiddio mi sembrava un post che non era né carne né pesce, tre ricette in una, una per due, tre per due, muta come un pesce continuavo a pensare, stavo per addormentarmi, ma si sa, chi dorme non piglia pesci, così mi sono guardata allo specchio e mi sono fatta gli occhi di triglia...ma io non sopporto chi mi fa gli occhi da pesce lesso, così mi sono presa a pesci in faccia, quando voglio divento uno squalo...ma...ma... poi mi spavento da sola e comincio ad annaspare... mi sento un pesce fuor d'acqua... e che sarà mai, solo un post, e anche se non so che pesci pigliare non posso mica aspettare ad oltranza no? che poi si sa... l'ospite è come il pesce, dopo 3 giorni puzza! Allora ho preso la reflex, le mandorle e le formine e, sana come un pesce, mi sono messa a fotografare, scrivere, registrare, e ho fatto un pesce piccolo che s'è magnato quello grande!





DI PERTINENZA


Savoiardi (ricetta di Luca Montersino)

Ingredienti:

- 70 g di albumi
- 45 g di tuorli
- 60 g di zucchero
- 60 g di farina debole (o 40 g farina e 20 g fecola di patate)
-   1 pizzico di sale
q.b. zucchero semolato
q.b. zucchero a velo
facoltativi: zeste di mezzo limone grattugiate e/o semi di vaniglia

- Montare a neve fermissima gli albumi con lo zucchero, aggiungere i tuorli sbattuti col sale, le zeste di limone e la vaniglia e, con una spatola, amalgare con delicatezza il composto con movimenti dal basso verso l'alto.
- Aggiungere la farina poco alla volta, facendola scendere direttamente dal setaccio, continuare a mescolare delicatamente per non smontare l'impasto.
- Riempire una sac à poche dotata di bocchetta liscia da circa 1 cm, foderare la leccarda del forno con carta forno e formare delle strisce lunghe 8 cm, distanziandole tra loro.
- Ricoprire prima con zucchero semolato e poi con quello a velo ed infornare a 200° per circa dieci minuti.
- Quando i savoiardi saranno cotti (ma non coloriti) estrarli ed aspettare che si freddino prima di staccarli delicatamente dalla carta forno con una paletta.
- Si conservano in scatole di latta per circa 15 giorni. Se si preferiscono croccanti, farli asciugare un giorno o due all'aria aperta prima di conservarli.




DIVAGAmente 


NATALE

Il piccolo Gesù si alzò dalla mangiatoia e, vedendo tutte quelle pecore, disse: "Tanto non dormo".

("Nuovi momenti catartici" Flavio Oreglio)


Tamara


Buone feste!
Tamara, Silvia, Emmettì

58 commenti:

  1. Che belli i tuoi pesci...e che bello quando ci racconti delle tradizioni.

    Poi tu lo sai, nelle mie vene scorre sangue salentino e vedere questo pesce, fuor d'acqua e fuor di barile, che mia nonna faceva con tanto amore regalandolo anche lei a vicine e lontane (e pure alle suore!), mi ha commosso non poco...

    p.s. ho fatto una ricerca e da fonti attendibili ho scoperto che la faldacchiera l'hanno inventata le suore tamarine, che poi tanto suore non erano... :D :D :D :D :D

    BaScioni, Suor Tamara :))))))))))))))))))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahaahahahah ecco risolto in contenzioso!!
      E ora, dopo che ti sei commosso, che dici se non ti tuffi pure tu in una mare di dolcezza? :))
      su, su, magari lo fai assaggiare alle tue zie :)
      un bacio padre Piero!

      Elimina
    2. Ma sì, tuffiamoci!!!! :))))
      Però c'è un problema: non ho tutte quelle belle formine....che diSci, valgono quelle di plastica che si usano con la sabbia...? :)))))))

      Che tu sia benedetta, Suor Tamara! :)))

      Elimina
    3. certo sì :) certo, una paperella di pasta di mandorle non s'era mai vista prima, potresti farci uno scoop!!

      Elimina
  2. L'ho letto almeno tre volte da ieri sera, eppure ancora rido! Ahahahahahahah!!!!
    Socia sei mitica!
    Il pesce è bellissimo (e pure i suoi compari vicini!) e mi sa che è pure tanto tanto buono! Non avevo idea ci fossero i savoiardi al suo interno! Adoro anche quelli e ora che ho la tua ricetta posso farmi da sola anche questi!

    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità di solito si mette pan di spagna, ma i savoiardi ci stanno meglio!!
      ti piacciono i gamberi e le cozze? :))))
      Un bacione tesoro!

      Elimina
  3. E come faccio mo' io a confessarmi... :-OOOOOOO

    Vabbè, ci provo (anche se a denti stretti eh???)
    Allora, la paxxa di mxxdxorlx nn mi pixce...:(((
    Cosaaaaaa????
    Ehm..., si... è così!

    Aspetta.., aspetta....!!!!!
    La dico tutta la verità!
    Nel panterrone le pepite di mandorle sono una cosa magnifica e dell'altro mondo!
    E guai se mancassero...

    Però questo pesciotto, che è spettacolare nella sua vestina, nn so se riuscirei a mangiarlo!
    Ma al di là dei miei gusti, questa preparazione è meravigliosa, come meravigliosi sono i racconti delle tradizioni con cui l'hai corredata e come solo tu sai fare!!

    E poi ci hai regalato due ricette in una!!
    Quei savoiardi sono da schianto lo sai??

    Ma vabbè..., io continuo a meravigliarmi ogni volta che ti leggo, che vedo le tue foto, e che ascolto il tuo Cuore pieno di passione che parla!
    Infinitamente GRAZIE Tam! ♥

    p.s. un po' sono terrorizzata...; se Annarita passerà di qua (e tanto passerà), credo che a casa sua dovrà allestire pure l'acquario per infilarci tutti i pesci che tirerà fuori...!!!
    Lei, al contrario di me è una pastadimandorle-addicted!!! :-OOOOOO
    Aiutttttttttttooooooo!!! :DDDDD


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, come dicevo nel post, anche io non amavo la pasta di mandorle, ma questo pesce col ripieno di marmellata amarognola e il cioccolato fondente (magari anche extra fondente) è molto meno dolce di quanto appaia :))
      ahahahahahahaha sono certa che Annarita sia già all'opera!
      un bacione ad entrambe :)))

      Elimina
  4. golosi pesci ,gli unici che mangerebbe mia figlia,grazie svalvolate e buone feste
    complimenti per l'idea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahahahaaha Paola! Furba tua figlia! ;)
      Buon fine anno!

      Elimina
    2. Buon anno Paola e grazie!

      Elimina
  5. Bellissimo post, che come al solito mi ha insegnato qualcosa di nuovo. Il gambero, poi, è così perfetto da sembrare vero.
    Buone feste, ragazze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia Buon feste anche a te...quelle che son rimaste. ;)

      Elimina
    2. Vero Giulia? appena ho visto lo stampo, non ci ho pensato su due volte!! anche se non si riesce a farcirlo, fa un figurone!!
      Buon anno a te Giulia!

      Elimina
  6. E come tutte le volte, non so mai da dove iniziare. C'è una cosa che adoro di te, più del resto: l'ironia. Sei frizzante, allegra, strappi sempre un sorriso. Adoro leggere i tuoi post così ricchi. Giuro che assaggerei qualsiasi meraviglia i miei occhi hanno ammirato in queste foto. Ma adesso dobbiamo assolutamente aprire una ricerca per stabilire quali siano state le suore vincenti. No, ti prego, l'episodio dello scontro tra titani non me lo posso perdere così.
    Insomma, per che ora arrivo? Mangiamo e studiamo e vedrai che i risultati saranno spettacolari!!!
    Sei meravigliosa Tam. Ti abbraccio fote e ti auguro un felicissimo e magico Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica, quoto tutto ciò che hai scritto, e in attesa che Tam riesca a trovare un po' di tempo per venire qui a salutare ti auguro un buon capodanno. :*

      Elimina
    2. ahahahahahah Erica! Se vieni qui a Lecce, con chiunque parlassi, non ci sono dubbi: l'hanno inventato le leccesi!
      Però poi non bisogna chiederlo ai baresi, condizione sine qua non per farsi venire dubbi :)))
      Ma quanto sei dolce Erica! ti abbraccio strettissima e col sorriso che mi spunta sempre quando ti vedo!

      Elimina
  7. Per quel pesce potrei commettere atti inconsulti.
    Adoro la pasta di mandorle e quel ripieno è golosissimo.
    Non avevo mai sentito parlare di questo dolce.
    E mo come faccio? Io lo voglio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franci nemmeno io ne avevo mai sentito parlare! Deve essere veramente una ghiottoneria.
      E mo...te tocca fallo! ;)

      Elimina
    2. wow wow Franci!!! e come fai? devi compiere qualche atto inconsulto, e poi ne riparliamo :))))))
      un bacione deddha, anzi due, uno è per Nico!

      Elimina
  8. .. che dire.. altro che acquario ( come dice mia sorella).. ci vorrebbe prorio una vasca!!!!!!.... non ho gli stampini... ,ma mandorle marmellata zucchero uova e attrezzini per modellare la pasta di mandorle non mancano.... credo di aver trovato un bel passatempo per aspettare la fine dell'anno!!!! G
    razie Tam!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annarita sei già all'opera? Conoscendoti mi sa proprio di sì! ;)

      Elimina
    2. Eccola qui, la matta!!!! Silvia, vero che Emmettì non ci aveva mai fatto sospettare di avere una sorella così folle?? ahahahahahah!!! Annarita, guarda che Silvia ed io non accetteremo più che tua sorella si appropri delle tue ricette... la prossima la pubblichi tu! hai il pass follemente automatico :))))))))))
      Grazie a te cara, anche e ancora per quella meraviglia di Stollen che mi è arrivato nel dono di Emmettì!

      Elimina
    3. Ahahhahahahaahhahhhahhahahahahhahahahha Tam!!!!!!!!

      Elimina
    4. Hahahaha.....no.....io faccio il lavoro di manovalanza e voi pubblicate.....non mi sento a mio agio a fare la pr.... Preferisco il duro lavoro .... Così con la scusa posso assaggiare quello che faccio hahahaha

      Elimina
    5. ahahahahaha ok Annarita, come vuoi tu, l'importante è che continui a deliziarci con le tue preparazioni, mettiamo sotto contratto (in comodato d'uso, ovvio!!) tua sorella per la documentazione e pubblicazione relativa!

      Elimina
  9. Prima di leggere questo tuo post non avevo mai notato quanti detti hanno a che fare coi pesci!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ma sono un'infinità!!! CHISSA' COME MAI?!?!?!?!?!?!?!? Forse perché come insegnava Vulvia su Reiducational Channel (ossia Corrado Guzzanti ne L'Ottavo Nano): "Lo sapevate? Due terzi del pianeta sono completamente ricoperti di acqua. Che fortuna nascere proprio nell'ultimo terzo. Che culo, su Rieduca... che fortuna, che... ehm... Beh, sì, è culo. "
    Ammiro da lontano la pasta di mandorle ma, come alla cara Emmettì, non piace molto nemmeno a me.
    Però che ridere il tuo post, Tam, e poi...il contenzioso ahahahahahah!!!!
    Fantastico!!!
    Un bacio immenso e tanti auguri di buone feste!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhhh ma che pirla!!! rimangono sempre i savoiardi!!!!!!!!!!!!!!! quelli sì che mi piacciono assaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!

      Elimina
    2. Riccia allora vai di savoiardi! ;)

      Elimina
    3. ahahahahahahah Riccia!!
      "Dal mare alla rete del pescatore, dalla rete del pescatore al mercato, dal mercato sulla vostra tavola, infine nel vostro stomaco, insomma che altro deve fare la sogliola, spazzarvi pure per terra?" eh no, spazzoliamocela noi la sogliola di pasta di mandorla!
      E sia, se proprio non ti piacciono le sogliole, spazzoliamoci i savoiardi :)
      Croccanti come i savoiardi, dolcemente soavi come i savoiardi, si inzuppano proprio come i savoiardi? cosa sono? sono i savoiardi!!! Scoprili su Rieducational Channel!
      Un bacione tesoro!

      Elimina
  10. ... e pure ce vò 'na pacienza di Giobbe a fà sti pesci!!!! Bellissimi li pescetti e anche i savoiardi!! Lo sapete che mi avete inguaiata? Dopo essermi prodotta nel pandoro, mò stanno tutti a chiedermi di farne un altro... oserei dire: manco morta! Sono ancora un pò tramortita dalla sua produzione, al punto che fare un panettone mi sembra una passeggiata!!! Vabbuò! Donne lascio a tutte e tre i miei migliori auguri di un buon Natale, bello ricco di amore, salute, compagnia... insomma se ho dimenticato qualcosa lo potete inserire!! Un bascione forte forte forte!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty hai ragione è proprio un guaio! Quando fai qualcosa di strepitoso arrivano le ordinazioni!!!
      Buon dopo natale, ovvero...buon capodanno! Ricco di tutto ciò che desideri!
      Un bacione!

      Elimina
    2. Pattypatty, dopo le fatiche del pandoro questo pescetto te lo cucini in un quattro e quattr'otto, altro che!
      Tantissimi auguri mia castellana preferita!
      (dai che cominciamo a pensare alla colomba:)))))))

      Elimina
  11. che meravigliaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!
    mille auguri a te e alla tua famiglia!!! un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mille auguri a te Mimma!
      Un abbraccio!

      Elimina
    2. Mimma carissima, e tu sai quanto è buona la vera pasta di mandorle!!
      Tanti auguri cara!

      Elimina
  12. Ti confesso che ho letto solo il tuo preambolo e non la ricetta, perchè ho i minuti ... no, anzi i secondi, contati. Bello il pesce di pasta di mandorle salentino ma non è proprio il mio tipo di dolce preferito, troppo dolce e stucchevole, anche se tu dici che è equilibrato. Invece i savoiardi sono uno splendore, me li verrò a leggere con calma, se mi ricordo cosa dovevo venire a leggere .... ahahahhhhh. Lo so che mi vuoi bene e mi perdoni lo stesso. ♥

    Ragazze volevo lasciarvi qui i miei auguri, siete speciali, tutte e tre, vi voglio un mondo di bene e vi auguro davvero un Natale sereno con le vostre famiglie, voi che potete. Vi abbraccio forte forte, Buon Natale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry, finalmente il natale è passato! Il pesce di pasta di mandorle invece resta, ed è molto più dolce di questa festività perciò per me è il benvenuto!
      Sono certa che la rossa del tuo cuore ti perdonerà !
      Un abbraccio a te e Lino da tutte noi! ♥

      Elimina
    2. Certo che ti perdono!!!! e ti voglio benissimo!! Tantissimi auguri tesoro, doppi, tripli, quadrupli, multipli!! Ti abbraccio fortissimo!

      Elimina
  13. Ma che bella idea!!!!! Complimenti davvero!!!!!
    Colgo l'occasione per augurare a tutte voi un felice Natale e uno strepitoso 2015!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale cara!
      Arrivo, seppur in ritardo, in soccorso alla mia socia! Nel frattempo il Natale è passato perciò non mi resta che ricambiare i tuoi auguri per uno strepitoso 2015!

      Elimina
    2. Ale tantissimi auguri anche a te!
      Silvia tesoro, grazie infinite per aver fatto compagnia ai nostri lettori mentre io latito!!!
      ci sei sempre, tu.... ♥ ♥ ♥

      Elimina
  14. Non riesco a rispondere ai commenti, quei pochi spiccioli di tempo che sono riuscita a guadagnare ho preferito lasciarli nei vostri blog, grazie infinite tornerò a rispondere quando possibile!
    Rinnovo gli auguri e i sorrisi a tutti!!!

    RispondiElimina
  15. Sono splendidi i pesci, è un'idea carinissima!!! Devo provare i savoiardi, mai fatti e mi piacerebbe provare! Un abbraccio e auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Marianna che è una bella idea, questa dei pesci!
      Ricambiamo l'abbraccio e buon anno!

      Elimina
    2. Ciao Marianna, tantissimi auguri anche a te!

      Elimina
  16. Non posso credere ai miei occhi. Sembrano pesci veri.. Sei una vera artista oltre ad essere una cuoca sopraffina beata te. Io poi la pasta di mandorle me la sogno anche la notte.. Bellissima idea e bellissimi gli stampini. Mai visti in vita mia. Ti faccio i miei più calorosi auguri e ti abbraccio stretta stretta in attesa di poterti conoscere sul serio. Piuttosto chiedo anche a te quello che ho già chiesto a qualche tua socia: ma come faccio a ricevere i vostri post ogni volta che escono? Non me li voglio perdere. Su, datemi una mano :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia anche io sono rimasta sbalordita dal loro aspetto reale! E' incredibile quello che Tamara riesce a fare!
      Hai problemi con l'aggiornamento dei post? Vedremo di risolvere. ;)

      Elimina
    2. Gaia che dolce sei....
      ma sai che, se si trovano gli stampini, anche di altre forme, infine non è difficile farli, per niente. la pasta di mandorle si prepara in anticipo, e poi ci vuole pochissimo per "apparecchiarli"!
      Gaia per i post credo dovresti iscriverti nei nostri lettori, e dovresti ricevere le notifiche nella tua bacheca. Oppure, in alto a destra, ho attivato il widget per l'iscrizione ai nuovi post del blog via mail!! che dici, ce l'abbiamo fatta? :))) fammi sapere se funziona!
      un bacione cara!

      Elimina
  17. Bellissimi!

    tanti auguri di buon Natale,

    un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iulia benvenuta!
      Ricambio, da parte dell'artefice di questo dolce capolavoro, i tuoi auguri!

      Elimina
    2. Iulia grazie! Buonissimo anno a te!

      Elimina
  18. Questo pesce è meraviglioso anche se forse per i miei gusti un pochino troppo dolce, i savoiardi invece....ricetta copiata vanno in forno oggi pomeriggio!
    Ragazze vi auguro un nuovo anno pieno di gioia soddisfazioni salute e tanta fortuna!
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice, allora chissà come è andata con i savoiardi!!!
      Tantissimi dolci auguri anche a te cara, tanti baci da parte nostra tuttetretuttattaccate!!!

      Elimina
  19. Tamara: io voglio quel magnifico gamberone e anche una cozza, con le pepite di mandorle che già mi viene l'acquolina in bocca a pensarci e con questo addio alla llinea e chisssssssene!
    siete magnifiche, tutte e tre del condominio, siete dei veri tesori e non solo per le ricette (sempre strepitose): soprattutto siete tre donne stupende!
    che sia un magnifico 2015 per tutti!
    vi abbraccio più strette che posso.
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah Sandra quel gambero mi fa impazzire!!!!!!
      Tantissimi auguri Donna Strepitosamente Follemente Meravigliosamente Stupenda!!!
      Ti abbracciamo tutte e tre insieme, attenta!!!
      :-* :-* :-*

      Elimina
    2. Ecco..., mi accodo alle parole della mia bellissima Socia!

      Grazie a te, meravigliosa Sandra!!!
      :-* :-* :-*

      Elimina
  20. Natale
    Il piccolo Gesù si alzò dalla mangiatoia e, vedendo tutte quelle pecore, disse: "Tanto non dormo".


    Mi è andato l'occhio sulla foto di questo pesce. Che buono, e chi se lo scorda! Però non ricordavo questa citazione! Ahahahahah! Le trovi tutte tu! ♥

    RispondiElimina

Sono graditi tutti i commenti, anche quelli da Anonimo, purché firmati, come regola base di buona educazione.